Mondovisioni al Nuovo Eden

Siamo lieti di collaborare ancora una volta con in Cinema Nuovo Eden e con una importante rete di associazioni per presentarvi questa rassegna

5 documentari selezionati tra i migliori presentati nei festival internazionali. 5 storie per conoscere più da vicino e capire meglio questioni che riguardano l’attualità, la politica internazionale l’economia e i diritti umani.
Una finestra per guardare oltre i confini, per approfondire, porsi domande e capire.

L’edizione della rassegna di quest’anno vede la collaborazione di numerose realtà associative di Brescia riunione in “SGUARDI APERTI – UNITI PER MONDOVISIONI” che daranno il loro contributo nell’approfondimento e commento delle proiezioni delle ore 21: Amnesty International – Brescia, ANPI Brescia – Comitato provinciale, Emergency Brescia, Legambiente Brescia, Libera Brescia, Movimento per la Decrescita Felice – Circolo di Brescia, Studenti Per – Udu Brescia

Tutti i film saranno in versione originale sottotitolata in italiano.
**BIGLIETTI: 5,00 euro. La prima serata sarà possibile sottoscrivere una formula abbonamento ritirando i biglietti per 5 proiezioni al prezzo speciale di 20 euro.

Per prevendita e prenotazioni dei singoli spettacoli www.nuovoeden.it
Prenotazioni telefoniche 199208002

>> IL PROGRAMMA
Giovedì 14 marzo: RECRUITING FOR JIHAD, di Adel Khan Farooq, Ulrik Imtiaz Rolfsen. Norvegia 2017, 80′

Giovedì 21 marzo: WHAT IS DEMOCRACY?, di Astra Taylor. Canada 2017, 107′

Giovedì 28 marzo: ALT RIGHT: AGE OF RAGE, di Adam Bhala Lough. Stati Uniti 2018. 105′

Giovedì 4 aprile: UNDER THE WIRE, di Chris Martin. regno Unito2018, 99′

Mercoledì 10 aprile: EL PAIS ROTO, di Melissa Silva Franco. Spagna, Venezuela 2018. 69′

In collaborazione con CineAgenzia e Internazionale

michelcarditoblog

Michel è un attivista ecologista interessato ai processi collettivi dal basso e nonviolenti; è un decrescente, un medico e un aspirante antropologo. Nasce a Brescia nel 1987 e cresce in una giungla di cemento e inquinamento. Sopravvive grazie ad una famiglia paziente, ai libri e all’attivismo, dapprima come educatore negli scout, poi nella rappresentanza studentesca universitaria, ed infine,dopo qualche deludente esperienza nella politica istituzionale, incontra MDF e nel 2104 trova una comunità a cui appartenere. É laureato in Medicina e Chirurgia, ha frequentato per poco più di un anno una scuola di specializzazione ospedaliera in Medcina Interna ma, alla fine, ha deciso di dedicarsi alla tutela della salute sul territorio ed è attualmente in formazione come Medico di Medicina Generale. Non contento ha deciso di integrare la sua formazione iscrivendosi ad Antropologia Culturale all’Università di Bologna e iniziando una formazione in Facilitazione. I suoi riferimenti sono i grandi attivisti e teorizzatori dell’azione non-violenta (in particolare Gandhi e la sua Satyagraha); i precursori e teorizzatori della Decrescita; i pensatori libertari come Bookchin e Thoreau e gli studiosi dei moderni processi collettivi come G.Sharp, D. Graeber ed E. Chenoweth. Il suo sogno è quello di un mondo più sostenibile, giusto e felice e spera davvero di poter contribuire a questo sogno anche solo con un pezzetto.